Bologna è un comune ciclabile? La pagella di Fiab

Bologna è un comune ciclabile? La pagella di Fiab

Mercoledì 21 marzo 2018 in Cappella Farnese sono state assegnate le bandiere con Bike smile da 1 a 5 a quei comuni italiani che hanno aderito alla manifestazione comuniciclabili per l’anno 2018. Ad una parte di essi erano già state consegnate in altre due occasioni, a Bologna c’è stata la consegna ai restanti, tra cui il nostro comune. La valutazione è stata formulata in base a una serie di criteri molto articolati che, in linea generale, rientrano in quattro macro aree: infrastrutture dedicate, cicloturismomobilità urbana, governance, comunicazione e promozione. “Il giudizio finale”, ci spiega Giulietta Pagliaccio, presidente Fiab, “è frutto di un lavoro molto approfondito e che non si basa solo su quanto dichiarato dai singoli comuni, ma da quanto riscontrato da esperti in materia, in prima persona e in maniera pressoché matematica. Questo progetto non ha lo scopo di dare un premio, ma di valutare con una sorta di pagella il livello raggiunto da ogni singola realtà territoriale in materia di mobilità ciclabile, evidenziando punti di forza e carenze. Il bello dell’iniziativa è proprio il fatto che tanti comuni hanno avuto il coraggio di affrontare questo esame, senza vergognarsi di mostrare eventuali pecche, neanche quelli meno preparati. E, alla fine, tutti hanno espresso la volontà di impegnarsi per fare meglio, anche quelli più bravi. Questo per noi è un successo strepitoso”.

Si può scaricare la Guida ai ComuniCiclabili dal sito comuniciclabili.it .

IMG_7897
La pagella del Comune di Bologna
Bologna ha preso 3 bike smile su 5, la sufficienza.
Come si vede dalla foto la motorizzazione risulta essere del -16.83% rispetto la media nazionale.
Mentre per i vari settori il voto è stato
0/5 per il cicloturismo
3/5 per le ciclabili urbane
4/5 per le misure di moderazione (velocità/traffico)
2/5 per la governance
2/5 per la comunicazione
I parametri ai quali Fiab fa riferimento sono quelli della media della ciclabilità italiana: chi prende i massimo non è Copenaghen, siamo distanti decenni da loro. Va considerata come una  pagella delle elementari: altri paesi stanno già frequentando le superiori, forse l’Università.

Le pagelle sintetiche di tutti i 69 comuni che hanno ricevuto la “Valutazione ComuniCiclabili 2018”, le puoi trovare al link
http://www.comuniciclabili.it/valutazioni-sintetiche-comuniciclabili-2018/
A giugno sarà presentata la seconda edizione di Comuniciclabili, e i comuni che hanno creduto nel progetto da subito aderendo a questa prima edizione saranno di diritto anche nella prossima edizione .

In questa edizione Cesena, Ferrara e Pesaro sono le città capoluogo più amiche della bici: hanno preso 5 “bike smile”, Gli unici capoluoghi di regione presenti in questa edizione, invece, sono Bologna e Trento (hanno preso entrambe 3) e Torino (voto 2), mentre nella lista dei capoluoghi di provincia, oltre alle vincitrici Cesena, Ferrara e Pesaro, hanno ottenuto 4 punti Brescia, Parma, Pisa, Pordenone, Rimini e Vicenza, a seguire Belluno, Cuneo e Grosseto con 3 “bike smile”, Lecce e Pescara con 2.

Riguardo alla distribuzione territoriale, invece, se la maggior parte dei comuni che hanno partecipato all’iniziativa sono concentrati al nord, si sono distinte anche molte località del centro e del sud, isole comprese: per esempio, ce ne sono 10 in Abruzzo, 9 in Puglia, una in Sardegna, mentre la Sicilia è rappresentata da Favignana che ha preso il massimo dei voti .