Con grande piacere, siamo stati invitati da Fiab Ferrara all’inaugurazione del nuovo percorso cicloturistico “Anello dei Borgia”

Questo sarà il programma della giornata:

Ritrovo in stazione centrale di Bologna alle ore 6,50.
Partenza con il treno regionale delle ore 7.15 con arrivo a alle ore 7.46 (costo 4.75 euro  a cui aggiungere il biglietto giornaliero della bici di 3,50 euro).
Ritrovo con gli amici di Ferrara e di altre Fiab (sarà presente un numeroso gruppo di Fiab Melegnano compresa la Presidente Fiab Giulietta Pagliaccio)

Ore 8.30 Partenza in bicicletta sull’Anello di Lucrezia Borgia, nuovo percorso cicloturistico costituito da ciclabili o strade a bassa percorrenza, di circa 70 km.
Itinerario: Ferrara – Aguscello – Gaibanella – Monestirolo – San Nicolò – Benvignante – Consandolo – Portomaggiore – Sandolo – Verginese

Ore 13.00 Pranzo al ristorante Ai Due laghi ( verdure crude in insalata, primo di pasta, dolce, vino acqua e caffè costo € 15,00)
Poi si prosegue per: Gambulaga – Belriguardo – Gualdo – Aguscello – Ferrara.
Visite alle Delizie Estensi del Verginese e Belriguardo.

Ritorno da Ferrara a Bologna con il treno delle ore 17.15 o in alternativa delle 17.42. (costo 4.75 euro)

NOTA BENE
Ognuno provvederà per sè all’acquisto dei biglietti del treno.
E’ necessario comunicare la propria intenzione a partecipare per il numero limitato dei posti bici sul treno e per prenotarsi per il pranzo. Scrivere una mail a Antonella (antonella.tampellini@gmail.com)

Occorre prenotarsi entro mercoledì 27 febbraio.

Prescrizioni specifiche: lucchetto, camera d’aria di scorta e kit di riparazione.
Assicurazione: è richiesto il contributo di € 1 per l’assicurazione infortuni ai soci del Monte Sole Bike Group. Ai non soci invece saranno richiesti € 3 per copertura infortuni ed RC. Per facilitare la raccolta si prega di portare le somme spicciole.

Nota sul percorso di Lucrezia
Il progetto del nuovo itinerario prende il nome da Lucrezia Borgia in quanto percorre molti luoghi e incontra dimore rinascimentali frequentate da Lucrezia. La vita di Lucrezia Borgia alla corte estense si svolse non solo nella città ducale ma anche presso le “delizie” sparse nel territorio del ducato. Tra queste brillano la reggia di Belriguardo e il palazzo di Benvignante. Presso la delizia del Verginese soggiornava invece la principale delle favorite del Duca: Laura Dianti di cui Tiziano fece un superbo ritratto, che ora si trova in una collezione privata svizzera. Lucrezia Borgia figlia del Papa Alessandro VI Borgia giunse a Ferrara nel 1502 sposa del Duca Alfonso I. Il matrimonio era stato voluto dal padre desideroso di far entrare la propria famiglia nella nobiltà italiana dalla quale era snobbato quale infiltrato spagnolo. Gli Estensi accettarono sia perché il loro ducato faceva parte dello stato della Chiesa sia perché la politica matrimoniale era per loro consueta per consolidare e incrementare il loro regno. Nonostante abbia fama di fedifraga e avvelenatrice in realtà fu brava madre (ebbe moltissime gravidanze e morì di febbre puerperale) e grande donna di stato reggendo il ducato durante le assenze per impegni militari del marito. L’arrivo a Ferrara del corteo nuziale fu uno dei più splendidi avvenimenti del Rinascimento europeo. Il percorso si sviluppava per vie d’acqua da Bologna lungo il Po di Primaro (che questa escursione costeggia in parte). Importante fu la rivalità come primadonna del Rinascimento italiano tra Lucrezia e la cognata Isabella, sorella del marito Alfonso e moglie del duca di Mantova Francesco Gonzaga. La gelosia di Isabella fu giustificata anche dalle voci di una intensa relazione amorosa tra Lucrezia e Francesco.

[Bibliografia: “La figlia del Papa” di Dario Fo; Chiarelettere editore (2014)]

Fiab-2019-locandina